Corrado: 389/79.86.435
info@langolodisancorrado.it
Noto
Noto (Notu in siciliano) è un comune italiano di 24.060 abitanti della provincia di Siracusa in Sicilia.

È il primo comune siciliano e il quarto italiano per estensione territoriale (550 km2).

Nel 2002 il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO, insieme con il Val di Noto.

Noto dista 31 km da Siracusa ed è situata nella parte sud ovest della provincia ai piedi dei monti Iblei. La sua costa, fra Avola e Pachino, dà il nome all'omonimo golfo. Con i suoi 550,86 km² di superficie, il comune di Noto occupa oltre un quarto della Provincia di Siracusa ed è il più grande comune della Sicilia e il quarto d'Italia. Nel suo territorio scorrono due fiumi: il Tellaro, vicino al quale è stata rinvenuta una villa romana, chiamata appunto Villa del Tellaro, e l'Asinaro, alla cui foce, in contrada Calabernardo, si svolse la famosa battaglia tra Ateniesi e Siracusani, che si concluse con la sconfitta dei primi, segnando la disfatta della spedizione ateniese in Sicilia e l'inizio del declino di Atene, che di lì a poco, a seguito di questa sconfitta, avrebbe perso anche la guerra all'interno della quale si inseriva la spedizione in Sicilia contro Siracusa, la Guerra del Peloponneso.

           


Il patrono: san Corrado Confalonieri
San Corrado eremita, morì nel 1351, nella grotta dove era vissuto in eremitaggio per numerosi anni, nella Valle dei Pizzoni, presso Noto, dove oggi si trova la "Chiesa dell'Eremo fuori le mura", che ingloba la grotta.

Il 19 febbraio, giorno della sua morte, si tiene la festa patronale. Vi si svolge una processione, con la "vara" dell'urna argentea contenente il corpo del santo, che viene portata per le vie del paese.

Ogni dieci anni, la processione con l'urna giunge fino alla grotta, con un percorso che si svolge durante la notte e percorre i circa 10 km che separano la città dall'eremo originario. Caratteristici sono i portatori di ceri artistici, dipinti con simbologie legate alla figura del patrono.


Spiagge di Noto
Cala Mosche di Noto, per i locali Funni Musca, si trova proprio fra Noto e Vendicari ed è raggiungibile solo via terra, in quanto l'accesso dal mare è vietato ad ogni tipo di imbarcazione. Si tratta di una splendida spiaggia di soffice sabbia dorata, larghissima e lunga circa 200 metri, bagnata da un bellissimo mare azzurro, cristallino e trasparente.

La cala è stretta tra due promontori rocciosi, ricchi di grotte e suggestivi anfratti e alle sue spalle, oltre le piccole dune e la tipica macchia che la orlano, si trova un pantano frequentato spesso da uccelli migratori. Per raggiungere Cala Mosche si prende la SP Pachino-Noto, al km.6 circa si svolta in una sterrata che passa su una vecchia ferrovia, arrivando dopo poco davanti ad un cancello della Forestale. Di qui si prosegue per circa 1 chilometro su un sentiero delimitato da palme nane che porta al mare.

Condividi








Dati amministrativi
Stato: Italia
Regione: Sicilia
Provincia: Siracusa
Sindaco: Corrado Bonfanti dal 13/06/2011

Territorio
Altitudine: 152 m s.l.m.
Superficie: 551,12 km²
Abitanti: 24 062[1] (30-04-2012)
Densità: 43,66 ab./km²

Altre informazioni
Nome abitanti: netini
Patrono: san Corrado Confalonieri
Giorno festivo: 19 febbraio

Siti archeologici presenti nel territorio comunale
Noto Antica
Eloro
Castelluccio di Noto
Villa del Tellaro
Monte Finocchito